fbpx
Torta di Mele e Noci - Chiara Martini Photo
327
post-template-default,single,single-post,postid-327,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.14, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Torta di Mele e Noci

La Dark Food Photography per raccontare una ricetta

Torta di Mele e Noci

La Dark Food Photography per raccontare una ricetta

Cosa c’è di meglio di una golosa e croccante torta di mele in un pomeriggio d’autunno?
Questo dolce è legato da sempre ai miei ricordi di bambina, quando andavo a trovare la cugina di mia madre in campagna, ogni fine Ottobre, e lei puntualmente ci preparava la torta di mele più buona che io avessi mai mangiato.

Basta un profumo e i ricordi tornano alla mente : siamo arrivati a casa di Miria, ma la torta è appena uscita dal forno, deve ancora riposare… Allora mi siedo sul tappeto davanti al camino della sua cucina rustica, mentre il rumore del fuoco che scoppietta si confonde con quello delle foglie secche importunate dal vento.
Ecco il gatto! Mi passa davanti e io gli faccio una carezza, poi si dirige verso la porta finestra semi aperta, e salta giù dal balcone, perdendosi nella campagna.
Nel frattempo tutta la stanza è pervasa dai profumi del lievito e della cannella…

“ Nel frattempo tutta la stanza è pervasa dai profumi del lievito e della cannella... ”

Non sono mai riuscita ad imitare la torta di Miria, ma ne ho elaborato una versione tutta mia, utilizzando pasta brisée, noci, zucchero di canna, e ovviamente le mele, e soprattutto ho insegnato a Matteo a farla!
Amo il cibo e adoro osservare chi cucina, soprattutto se è autunno quando la luce diventa magica.

 

La luce, in fotografia è ciò che conta di più, è più importante dell’attrezzatura, più del soggetto in sé.
La chiave di tutto è come quest’ultimo viene illuminato, è la luce che ci da il mood, il carattere dell’immagine, che determina le impressioni che una foto può provocarci.

Credo sia per questo che adoro la Dark Food Photography, perchè mi permette di creare un effetto più intimo e intenso, quasi ad invitare chi guarda l’immagine a sedersi al mio tavolo e mangiare quello che ho cucinato.