fbpx
Enoteca Centrale - Chiara Martini Photo
52830
post-template-default,single,single-post,postid-52830,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.14, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Enoteca Centrale

L'Enoteca Centrale, un luogo che attraversa le generazioni

Enoteca Centrale

L’Enoteca Centrale, un luogo che attraversa le generazioni

L’Enoteca Centrale è uno di quei nomi che a Teramo senti sempre nominare, come se si parlasse del Duomo o del Tetro Romano, è li da sempre e la gente lo prende come punto di riferimento.

D’altronde parliamo di un luogo che appartiene alla famiglia Perpetuini dal 1965, un’amore che è rimasto sempre forte per tre generazioni.

Io ho scoperto questo posto durante lo shooting, e così ho capito davvero di cosa parlavano tutti.

Mentre fotografavo gli interni, si susseguiva un viavai di persone che si fermavano per un calice di vino, o anche solo per un saluto, al bancone c’era Pietro, uno dei due proprietari, che accoglieva tutti come se fossero parenti.

``Così, mi è bastata una mattinata per rendermi conto del motivo per il quale l’Enoteca Centrale sia nel cuore di tutti.``

Spostandomi in cucina ho scoperto quello che è davvero il cuore dell’Enoteca Centrale, la passione per la materia prima.

C’era chi preparava gli ingredienti per il pranzo, e chi testava nuove ricette  tutto sotto lo sguardo vigile di Marcello, l’altro proprietario.

Quella tra Marcello e il cibo è proprio una storia d’amore, lo si vedeva dal luccichio nei suoi occhi mentre mi raccontava del suo ultimo viaggio in Bretagna alla ricerca delle ostriche, girando tra i moli e i fari della Francia del nord.

Così, mi è bastata una mattinata per rendermi conto del motivo per il quale l’Enoteca Centrale sia nel cuore di tutti.